giovedì 4 aprile 2013

La panificatrice frustrata

Fare il pane mi piace tantissimo, mi piace proprio la sensazione delle "mani in pasta", mi piace osservare l'impasto che lievita, mi piace l'odore che si spande per casa. Di fatto, però, a parte in estate, panifico di rado, perché il pane con lievito naturale, cotto a legna del pusher sotto casa è imbattibile. Per questo motivo, mi butto sui pani "strani", ogni volta che ne scopro uno. Quando ho letto qui di questi panini, mi sono immediatamente entusiasmata e, senza por tempo in mezzo, li ho rifatti. Buoni, buoni e quella crosticina croccante, in contrasto con la morbidezza dell'interno, è deliziosa.

Dutch Bread

Per i panini

Lievito di birra secco (attivo) Pan degli Angeli        1/2 bustina
Acqua tiepida                                                             60 ml
Latte tiepido                                                               240 ml
Zucchero                                                                    30 g
Olio evo                                                                     30 ml
Sale                                                                           10 g
Farina 00                                                                   460 g

Topping 

Lievito di birra secco (attivo) Pan degli Angeli       1/4 bustina
Acqua tiepida                                                            120 ml
Zucchero                                                                   15 g
Olio evo                                                                    15 ml
Sale                                                                           2,5 g
Farina di riso                                                            120 g

Mettere nella ciotola della planetaria l'acqua, il latte, il lievito e lo zucchero e lasciar riposare per 5 minuti. Trascorso questo tempo, dovrebbero comparire delle bollicine. Usando il gancio K, aggiungere 200 g di farina e l'olio, versato a filo. Impastare e, dopo qualche minuto, aggiungere la restante farina ed il sale. Togliere la K e mettere il gancio; impastare ancora, finché l'impasto è ben incordato. A questo punto, come consiglia Caris, ho dato un paio di giri di pieghe all'impasto e l'ho messo a lievitare in una ciotola unta d'olio e sigillata con la pellicola. Far lievitare fino al raddoppio. A questo punto, dividere l'impasto in parti da circa 60 g. Formare dei panini tondi e farli lievitare nuovamente per una quarantina di minuti. In una ciotolina, preparare il topping, mescolando prima acqua, zucchero e lievito e, dopo 5 minuti, aggiungere olio, farina e sale. Si deve ottenere una specie di pastella densa che andrà spalmata sui panini, prima di infornarli a 200 gradi, per 25-30 minuti.  Per il topping, ho indicato dosi dimezzate, perché, usando i quantitativi riportati da Caris, a me ne è avanzato parecchio.



9 commenti:

  1. e ma che belli Mariella!!!Pensa che questi panini sono stati la fida di una "MTC estero":DD fare il pane era d'obbligo..la farcitura a fantasia:)))
    Quando si dice il caso!!!

    RispondiElimina
  2. Caris,grazie a te che me li hai fatti conoscere!

    RispondiElimina
  3. They look delicious! Sembrano anche belli croccanti fuori e morbidi dentro

    RispondiElimina
  4. sei fantasticosa!!!

    RispondiElimina
  5. Mariella... mi sono accorta solo ora del tuo blog :)) Bellissimi questi panini, segno anch'io!

    RispondiElimina
  6. Ciao Mariella, sono passata di qua ieri sera e quando ho visto questa ricetta ho deciso che dovevo provarla subito! Buonissimi, ottimo suggerimento :))

    RispondiElimina
  7. Questi panini sono uguali a quelli che spesso compro in un panificio qui a Milano..appena ho visto la ricetta ho dovuto subito provare a farli ! Buonissimi :))

    RispondiElimina
  8. Non c'è nulla che mi renda più felice che sapere di qualcuno che ha provato una ricetta che ho suggerito e gli è piaciuta!

    RispondiElimina
  9. Ho letto da qualche parte di questi panini e ora è la volta buona che non me li lascio sfuggire

    RispondiElimina