sabato 13 ottobre 2012

"Sparsa le trecce morbide...


...sull' affannoso petto". Questo verso del Manzoni mi è balenato nella mente, appena ho letto il tema dell' MTC di questo mese. Perchè di trecce si tratta, più precisamente di un pane dolce intrecciato, che, nella tradizione ebraica, viene preparato per il Sabato. Ok, ce la posso fare...è un lievitato ed io coi lievitati me la cavo. Ma...ma...una treccia?? Ed ecco che è scattato l'affanno. Perchè io, in vita mia, una treccia non l' ho mai fatta! Mia madre mi ha fatto portare un taglio da marine fino ai 14 anni ( dopo mi sono giustamente ribellata ) al punto che che, in seconda media, una supplente chiese, e non stava scherzando, cosa mai ci facesse un ragazzo, in una classe femminile... Dopo la ribellione, la moda imponeva capelli lunghi e lisci, stile Joan Baez, per cui trecce nisba. 
Però, l'ho già detto, l' MTC è una sfida ed io la raccolgo, non importa quanto alta sia l' asticella. Dopo un po' di prove di intreccio con lo spago da cucina, mi sono lanciata. La prima prova non è venuta troppo male, per cui, ringalluzzita, mi sono lanciata a provare una treccia a 4 capi! A questo punto, non mi fermava più nessuno e mi sono ricordata di uno splendido corso col Maestro Giorilli, durante il quale il Maestro ci aveva mostrato come fare una stella a 5 punte, tutta intrecciata. E, con un misto di incoscienza ed ubris, mi sono lanciata. La scelta del ripieno è stata facile, perchè questo è un pane perfetto per la prima colazione ed io, ormai da qualche anno, preparo dei fichi sciroppati, che mio marito adora mangiare al mattino, usandoli per farcire delle brioscine, sempre home made. Anche la scelta dei semi mi è parsa quasi obbligata, perchè i fichi mi fanno pensare al Mediterraneo e, quindi, al sesamo. Insomma, mi è parso un miracolo, ma CI SONO RIUSCITA!!!!


PANE DOLCE DEL SABATO AI FICHI

Farina 00                    500 g.
Farina Manitoba          250 g.
Zucchero                    150 g.
Lievito di birra            30 g.
Acqua tiepida             140 ml.
Olio evo                     190 ml.
Sale                           15 g.
Uova medie                3
Tuorlo                       1
Acqua                        1 tbs.
Semi di sesamo
Fichi sciroppati           20
Mandorle a filetti       100 g.

Per il procedimento, riporto quanto scritto da Eleonora


"Prima di tutto è importantissimo setacciare la farina.
Sciogliere il lievito nell'acqua tiepida insieme a un cucchiaino di zucchero e far riposare una decina di minuti fino a che si forma una schiuma. Mescolare la farina, il sale e lo zucchero , versarci il lievito e cominciare ad impastare, aggiungere poi l'olio e per ultime le uova, una ad una, incorporandole al tutto. Lavorare fino a che l'impasto si stacca perfettamente dalla ciotola, lasciandola pulita.
Lasciar lievitare per almeno due ore. "
Trascorso questo tempo, staccare dall'impasto 7 pezzi da 150 g, più un pezzo da 75 g. (avanzerà dell' impasto). Rotolare ogni pezzo, formando tanti cilindri, 7 dei quali della stessa lunghezza ed uno lungo la metà (utilizzando il pezzo da 75 g.). Stendere ogni cilindro col matterello, formando delle lunghe strisce. Sgocciolare i fichi dallo sciroppo e tagliarli a pezzi. Distribuire i fichi e le mandorle lungo ogni striscia. Inumidire il bordo delle strisce e ripiegarle, sigillando il ripieno all'interno. Rotolarle un po' sulla spianatoia, in modo che ritornino di forma cilindrica. Incrociare i 7 cilindri più lunghi, in modo da ottenere una stella a 14 capi. Per fare una stella intrecciata a 5 punte, ognuna delle quali è costituita da una treccia a 3 capi, però, servono 15 capi. Il quindicesimo capo sarà il cilindro più corto, che andrà inserito con un' estremità sotto il centro della stella. A questo punto, intrecciare i capi a 3 a 3, ottenendo la stella. Battere il tuorlo con il cucchiaio d'acqua e spennellare la superficie della stella; spolverizzare con i semi di sesamo. Far lievitare ancora 2 ore ed infornare a 180 gradi, per 30 minuti, coprendo con un foglio di alluminio a metà cottura. Con l'impasto avanzato ho fatto una treccia piccola.

Con questa ricetta partecipo all' MTC di ottobre 2012


22 commenti:

  1. E bravissima Mariella che non cavilla sui suoi limiti, ma li supera con entusiasmo e con un risultato di tutto rispetto! La tua stella intrecciata e' una vera meraviglia! Adesso pero' voglio anche la ricetta dei fichi sciroppati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Roberta,quando ho fatto la scorta di fichi di quest'anno, avevo pensato di pubblicarla,poi m'è parso che mezza blogsfera li avesse fatti e non mi è sembrato più il caso. Ad ogni modo,se vuoi, te la mando in privato.

      Elimina
    2. Ma dove sono tutte queste ricette? Io li ho fatti "a naso" seguendo le indicazioni di una mia vicina di casa in Francia....Se mi mandi la tua la confronto con quella che ho fatto io: puoi mandarmela in privato su FB? Senza fetta, tanto ormai i fichi sono andati...Hai mica qualche ricettina per conservare le noci, per caso?!?;-)))

      Elimina
  2. Bellissima questa preparazione Mariella, con i fichi e le mandorle.......uauuuu!!! Dovro' rileggermi per bene la spiegazione dell'intreccio e provare cmq se proprio la stella non venisse, mi accontentero' di quello che ne uscira'!! (pero' se mi applico, magari.?!!)
    Grazie. Diana

    RispondiElimina
  3. Mariella sei mitica!
    La stella è bellissima e mi piacerebbe provare a farla, magari per Natale, da mettere in centro al tavolo e dividere con i commensali.
    Per tornare alla sfida, sei la seconda che *spio* e sono già al Diazepan.... sigh!!!
    Brava,brava.... ma te lo dirò poi a voce!
    Nora

    RispondiElimina
  4. E meno male che non ti ci eri mai cimentata con le trecce...altrimenti cosa ci tiravi fuori?? Sono sbalordita!!!! :O
    Complimentissimi!!

    RispondiElimina
  5. Tu non me la racconti giusta. Che non avevi mai fatto una treccia...chi vuoi che ti creda!! :-D
    La tua stella è bellissima, grazie per tutto l'impegno e l'amore che ci hai messo, per accettare questa sfida fino a questo punto. e grazie del ripieno di fichi, uno degli alimenti basici degli ebrei alle origini, prima della diaspora.
    un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che,mentre la facevo, ci pensavo che, tra sesamo e fichi, questo pane fosse una versione "sefardita"?

      Elimina
  6. la forma è particolarissima, complimenti davvero....

    RispondiElimina
  7. ci sei riuscita benissimo, è splendido!!! e il ripieno home made un tocco in più.
    io, invece, ho portato i capelli in una grossa treccia per anni, forse troppi!

    RispondiElimina
  8. Meno male che non le avevi mai fatte le trecce...se no altro che, raperonzolo veniva fuori (con buona pace del Manzoni..)...I fichi sciroppati..passare ricetta che la passo alla mamma cosí quando torno in Italia fuori stagione mi mangio i fichi delle piante di casa..pliiiiiiis....Baci, Simonetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mettere in una casseruola 1 kg. di fichi interi e lavati, coprirli con 500 g. di zucchero e lasciarli così per 24 ore. Trascorso questo tempo, aggiungere 1 bacca di vainiglia a pezzi, fettine sottilissime di limone e una stecca di cannella. Cuocere finchè non si sarà formato un denso sciroppo. Invasare e capovolgere i barattoli, in modo da formare il vuoto.

      Elimina
  9. Non solo una treccia, ma anche una stella!!!
    Per la serie fare le trecce è come andare in bicicletta, una volta che impari... ;)

    Grazie anche per la ricetta dei fichi sciroppati...trascrivo!!!

    ciao loredana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Loredana, anche il tuo canestro era splendido!

      Elimina
  10. te la dò io la ubris... pure il corso con Giorilli, hai fatto...:-)
    ma sai qual è la cosa che più mi preoccupa, conoscendoti? è che questo prodigio di manualità, di precisione, di eleganza è solo la prima prova. E il "conoscendoti" di cui sopra non era affatto casuale... Converrà mettersi comode, mi sa :-)
    Spe-ta-co-la-re

    RispondiElimina
  11. non avevi mai fatto una treccia? ma come è possibile, questa opera d'arte è perfetta!!!! e anche il ripieno mi piace moltissimo, è proprio in tema.
    questo MTC è bellissimo, si vedono proprio delle grandi cose!
    ed è solo il primo giorno !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gaia, le difficoltà che posso aver incontrato io nell' intrecciare sono nulla rispetto a quelle che avrete incontrato voi sglutinate. Per cui, chapeau a voi.

      Elimina
  12. Marie', è fantastica! ma a tue figlia le trecce no??? complimenti, ci fai il tutorial??? daiiiiiiiiiiiii!

    RispondiElimina
  13. La stella è bellissima, peccato per il tutorial :-(

    RispondiElimina
  14. Senza parole... la tua bravura è incredibile!

    RispondiElimina
  15. mai fatta una treccia... e poi ne fai una a stella con 5 punte?? ma complimenti sei stata bravissima, per non parlare del ripieno, i fichi sciroppati, io adoro i fichi, ma non gli ho mai mangiati sciroppati:( ma grazie alla tua ricetta rimedierò presto:)!

    RispondiElimina