lunedì 27 marzo 2017

La mia Pastilla marocchina per il Club del 27

Il nuovo progetto di Alessandra, il Club del 27, si sta rivelando sempre più interessante e coinvolgente e perfettamente rispondente agli intenti della sua ideatrice, perché il piacere di cucinare insieme, sia pure a distanza, è autentico e condiviso.
Questa volta, il tema è rappresentato da Timballi, Torte e Pies da tutto il mondo, un universo di preparazioni accomunate dal fatto di essere in crosta.
Quando ho visto l'elenco delle ricette proposte, non ho avuto un attimo di esitazione: avrei fatto la pastilla marocchina, che, da quando l'avevo mangiata a Marrakesh, mi era rimasta nel cuore. E sapevo che, seguendo la ricetta di Eleonora, che in Marocco ha vissuto per quattro anni, potevo contare sulla fedeltà all'originale.
Si tratta di un piatto solo in apparenza semplice, dove è fondamentale il dosaggio delle spezie ed il giusto equilibrio tra dolce e salato. Io ho diminuito la quantità di pollo, perché ho usato uno stampo un po' più piccolo, ma ho lasciato inalterate le dosi delle spezie, ipotizzando (ed il risultato mi ha dato ragione) che le spezie usate da Eleonora avessero un gusto più intenso.
Con l'incoscienza che mi contraddistingue in cucina, l'ho preparata per degli ospiti che mi hanno fatto da cavie. Sembra che abbiano gradito e mio marito ha detto che era addirittura migliore di quella che avevamo mangiato in loco. Son soddisfazioni...

Pastilla marocchina

Per lo strato di pollo

Fusi di pollo                           1,5 k
Olio evo                                  50 ml
Cipolle rosse                          1 e 1/2
Aglio                                      3 spicchi
Zenzero in polvere                 1 cucchiaino (io fresco)
Pepe nero di mulinello           1 cucchiaino 
Coriandolo in polvere            1 cucchiaino
Curcuma                                1 cucchiaino
Pistilli di zafferano                un bel pizzico
Cannella in polvere               1/2 cucchiaino
Uvetta                                    2 cucchiai
Uova                                       5
Sale

Per lo strato di mandorle

Mandorle pelate                      150 g
Zucchero                                 30 g
Cannella                                  1 cucchiaino
Olio evo                                  1/2 cucchiaio
Acqua di fior d'arancio           1 cucchiaio

Inoltre

Pasta fillo                                8 fogli
Olio evo                                  120 ml
Zucchero a velo e cannella per spolverare

Tritare l'aglio e la cipolla e rosolarli nell'olio, finché diventano trasparenti. Aggiungere le spezie e cuocere ancora per un minuto. Aggiungere i fusi di pollo e rosolarli per qualche minuto. Coprire il pollo con un litro d'acqua, salare (tenersi un po' indietro col sale, perché, poi, il brodo, restringendosi, diventerà molto sapido) e portare ad ebollizione; incoperchiare e far cuocere a fuoco basso, fino a che la carne si stacca dalle ossa. Filtrare il brodo e rimetterlo su fuoco vivace, per farlo restringere; si dovranno ottenere circa 200 ml di brodo ristretto. Disossare il pollo e, con un trinciante, tritarlo abbastanza finemente.
Sbattere le uova ed unirle al brodo ristretto ormai freddo; rimettere su fuoco dolce e, sempre mescolando con una frusta, far addensare fino ad ottenere una crema. Nella malugurata ipotesi che dovessero formarsi dei grumi, basta qualche colpo di minipimer per risolvere il problema.
La ricetta di Eleonora prevedeva che le mandorle andassero fritte nell'olio, ma io, nell'intento di alleggerire almeno un po' la preparazione, mi sono limitata a tostarle in forno, fino ad averle belle dorate.
Frullare grossolanamente le madorle tostate e ben fredde, insieme allo zucchero e alla cannella; aggiungere l'olio e l'acqua di fior d'arancio.
Prendere una teglia di 24 cm di diametro, adagiarvi un foglio di pasta fillo, facendo in modo che i lembi strasbordino dalla teglia; spennellare con l'olio e adagiarvi sopra un altro foglio di pasta. Ripetere l'operazione, fino ad avere un "guscio" formato da 5 fogli. Distribuire sul fondo un terzo del composto di uova. mescolare un altro terzo di crema di uova al pollo sminuzzato, aggiungere l'uvetta ammollata e strizzata e distribuire il tutto nella teglia. Coprire con il resto della crema e finire con le mandorle tritate. Richiudere sul ripieno i lembi di pasta. Coprire con altri 3 fogli di pasta fillo, sempre spennellati d'olio e rincalzarli lungo il bordo della teglia. Dare un'ultima spennellata di olio.
Infornare a 200 gradi per circa 20 minuti. Spolverizzare con zucchero a velo e cannella e far riposare la pastilla per una quindicina di minuti, prima di servirla. Io l'ho accompagnata con dei piselli.




30 commenti:

  1. io ho cambiato le spezie, perche' "conosco i miei polli". E volevo anche provare il Ras-el-hanout che avevo portato dall'Italia. Ma alla fine credo che la differenza sia stata lieve- e il risultato veramente pazzesco. Mio marito era al settimo cielo e ultimamente non e' che mi dia molte soddisfazioni :) ho l'ordine di rifarla, ma non ce n'era bisogno!

    RispondiElimina
  2. Che gola mi fa questa ricetta, bella interpretazione!

    RispondiElimina
  3. Mariella, mi sarebbe piaciuto tantissimo fare la pastilla ma non ho trovato la pasta brick... Ne hai fatto una versione bellissima e delicata, complimenti! Un bascione e buona settimana

    RispondiElimina
  4. l'avevo adocchiata ma è un periodaccio e mi son buttata letteralmente sull'erbazzone che non avevo ancora mai fatto. Questa la faccio sicuramente, grazie Mariella, sei sempre una sicurezza in quanto a bravura. Un bacione

    RispondiElimina
  5. HO una grande voglia di farla, mi piacciono tutti questi sapori, aggiungo alla lista...

    RispondiElimina
  6. Ancora una volta di più ho voglia di prepararla. Davvero una ricetta che mi fa battere il cuore e tu l'hai realizzata superbamente.

    RispondiElimina
  7. Bella questa pastilla! Considerando che non è un piatto semplice ti faccio i miei complimenti.

    RispondiElimina
  8. Mariella che fame!!! Sempre con le tue proposte eh!!! Ciaooooo

    RispondiElimina
  9. Altra torta da provare. Leggendo gli ingredienti sono sicuro che sarà stata buonissima. Brava

    RispondiElimina
  10. È una delle ricette più buone che esistono al mondo ! E io l'ho mangiata addirittura con la versione fatta con le quaglie...fatta da una signora marocchina che aiuta in cucina una mia amica 😊

    RispondiElimina
  11. Deve essere veramente speciale, complimenti :-)

    RispondiElimina
  12. Uh...che fame! è quasi ora di pranzo e mangerei volentieri una fetta della tua pastilla :P
    Bravissima ;)

    RispondiElimina
  13. mmm quanto mi fa sognare questa pastilla...vista da te e da Ale mi state facendo venire una voglia...Complimenti,mi sembra ottima!

    RispondiElimina
  14. Complimenti anche questa è stupenda!!!

    RispondiElimina
  15. Brava Mariella, da fare certamente!

    RispondiElimina
  16. Un'esplosione di sapori questa pastilla... Bravissima Mariella, che gola!

    RispondiElimina
  17. Questa pastilla mi incuriosisce moltissimo e la tua è veramente golosa, ci credo che i tuoi ospiti abbiamo apprezzato.
    grazie mille

    RispondiElimina
  18. In quanto a incoscienza in cucina, potresti batterti con me! :-)

    RispondiElimina
  19. Mariella ma che complimento migliore potrebbe esserci del sentirsi dire che la tua pastilla è migliore di quella mangiata in loco? Dall'aspetto in effetti pare davvero ottima e vorrei proprio provare a rifarla.

    RispondiElimina
  20. mi incuriosisce tanto... sento i profumi fin qui! brava!

    RispondiElimina
  21. Anche questa è bellissima e sicuramente da provare.
    Alla prossima, ciao Erica

    RispondiElimina
  22. hai ragione il progetto è uno dei migliori, una fonte inesauribile di belle proposte, tra cui la tua!
    baci.

    RispondiElimina
  23. Hai ragione. Questo gruppo diventa sempre più bello e unito, con quella voglia di imparare e confrontarsi che ha sempre caratterizzato MTC e che si trasporta anche qui. Io la pastilla più la vedo e più voglio rifarla. Ridurrò le dosi come hai fatto tu che mi sa conviene :)

    RispondiElimina
  24. Anch'io ogni tanto uso gli ospiti come cavie ihihihih

    RispondiElimina
  25. questa torta devo provarla perchè mi sta affascinando un sacco, la tua è molto bella, brava

    RispondiElimina
  26. Ma le cipolle e l'aglio quindi si buttano?

    RispondiElimina