lunedì 16 febbraio 2015

Cinque e sto


Confesso che, dopo una settimana passata a far cioccolatini, inizio ad essere un po' satura. Ma questa sfida dell'MTC è stata particolarmente stimolante e davvero il tema si prestava a millemila varianti. Tuttavia, anche se altre possibili realizzazioni si affollano nella mia mente, ho bisogno di un periodo di "disintossicazione" dal cioccolato. Anche perché, se è vero che, per lo più, li ho distribuiti in giro,  "qualche" assaggio, lo ammetto, c'è stato...
Veniamo, quindi, a questa quinta versione (che, poi, in realtà, sarebbe la sesta, visto che ne avevo fatto anche un altro tipo, che ho rinunciato a pubblicare, perché troppo simile a quella pubblicata da un'altra MTCina).
Questa volta, ho scelto di non fare un'ennesima variazione sul tema ganache e di introdurre una nota più fresca. Visto che, ultimamente, mi sono dedicata con successo alle gelè di frutta, ho preparato delle gelè ai lamponi, sormontate da una meringhetta, che, oltre a formare la richiesta cupoletta, ha contribuito a creare un piacevole gioco di consistenze. La frase che ho abbinato è un verso di Pessoa, che trovo particolarmente toccante.

Baci del sottobosco

Per la gelè ai lamponi

Polpa di lamponi                     212 g
Acido tartarico                        2,12 g
Pectina jaune                           3,8
Zucchero                                 176 g + 21,2 g
Glucosio                                  49 g
Succo di limone                      1 cucchiaino

Frullare il contenuto di due vaschette di lamponi e passare il frullato allo chinoise, per eliminare i semini. Mettera la polpa di lamponi ed il cucchiaino di succo di limone  in una casseruolina e scaldare a 40 gradi. Aggiungere la pectina, mescolata con i 21,2 g di zucchero, il glucosio e lo zucchero rimanente. Cuocere fino a raggiungere la temperatura di 106 gradi. A questo punto, aggiungere l'acido tartarico, sciolto in un paio di cucchiaini d'acqua. Mescolare e, molto velocemente, versare in un colino a pistone e dividere il composto in stampini di silicone a semisfera.

Per le meringhette

Albume                         20 g
Zucchero                      40 g

Montare l'albume a neve soda; aggiungere lo zucchero. Mettere la meringa in un sac a poche, dotato di bocchetta liscia e, su una leccarda rivestita da un foglio di carta forno, formare delle palline di meringa delle dimensioni di un cece . Infornare a 50 gradi per un'ora. Una volta cotte le meringhe, smodellare le gelè e su ognuna poggiare una meringhetta .

Temperare 150 g di cioccolato fondente, come spiegato da Annarita e tuffarvi le gelè sormontate dalle meringhette. Sgocciolare e mettere ad asciugare su carta forno.









10 commenti:

  1. ho visto che i foodblogger si son messi di buzzo buono per farmi uscire i baci dagli occhi... e li apprezzo praticamente tutti ammetto

    RispondiElimina
  2. sono praticamente perfetti! davvero non so come hai fatto a tagliarli così bene...

    RispondiElimina
  3. Sono bellissimi. Hai fatto realtà un'idea che mi era venuta, ma non sapevo da dove cominciare ne' se avrebbe resistito la meringhetta. A quanto vedo resiste, e anche bene :) Bellissimi.. e bellissimo il verso di Pessoa :)

    RispondiElimina
  4. ancora??? vuoi battere il record? questi morbidoni mi piacciono tantissimo, gnam!!

    RispondiElimina
  5. Lamponi, meringhette e Pessoa....ma tu mi vuoi morta? se te ne ordinassi una scatola? MERAVIGLIOSI

    RispondiElimina
  6. originalissimi!! chissà che buoni!

    RispondiElimina
  7. Bebè ai lamponi, che goduria. Non c'è cosa che sta meglio con il cioccolato.

    RispondiElimina
  8. Praticamente perfetti, come aspetto e come sapore.

    RispondiElimina
  9. pensa che questi me li sarei aspettati per primi... mentre scrivevo il regolamento, ero fresca fresca delle tue gelatine...ma la meringhetta nella cupola, è una chiccheria :-)
    Tu non avrai più voglia di cioccolato- ed è più che comprensibile.
    Ma io non la smetterei mai, di ammirare le tue creazioni...

    RispondiElimina
  10. Comincio a commentarti dagli ultimi.... ed ho paura a guardare gli altri.
    Tutto ciò che leggo da te mi fa rimpiangere di vivere così lontana da te.
    Grande idea quella delle gelatine.
    Grande come te.
    Nora

    RispondiElimina